USARE AL MEGLIO LA COSA PIÙ PREZIOSA CHE ABBIAMO: IL “TEMPO PERSO”

da | Dic 15, 2020 | Blog, Crescita personale

Nella propria vita ognuno ha fatto esperienza di come la percezione del tempo sia un fattore estremamente personale e come questa sia influenzata da numerose variabili. Il momento di vita che stiamo attraversando, le persone con cui lo stiamo condividendo, le attività più o meno piacevoli con cui lo stiamo occupando. Certe volte sembra non passare mai, altre scorrere troppo in fretta. In ogni caso è qualcosa che sentiamo sfuggire al nostro controllo e che non può tornare indietro né essere comprato. Sono proprio queste caratteristiche a rendere necessario usarlo nel migliore dei modi, il che può avere sfumature diverse in base ai propri personalissimi obiettivi e valori di vita.

Essere consapevoli che il tempo non è una risorsa illimitata può farci vivere sentimenti contrastanti, da un lato il desiderio di sfruttarlo il più possibile riempiendolo di ciò che ci piace fare, dall’altro una certa ansia per il suo scorrere accompagnato dalla sensazione di voler sempre di più e che ciò che facciamo non sia mai abbastanza.

Perdere tempo in una corsa continua

La scorsa domenica, in una masterclass di mindfulness dal titolo “Incontrare se stessi” tenuta da Franco Cucchio di Motus Mundi, si è parlato di quanto siamo costantemente immersi in una corsa estenuante spesso senza sapere nemmeno verso quale direzione o con quale intento. Il rischio è di perderci molto di ciò che viviamo perché siamo troppo presi dalla preoccupazione continua di non essere abbastanza, di doverci cambiare e dover cambiare qualcosa al di fuori di noi per essere felici. In questa corsa a perdifiato non sono ammessi tentennamenti, soste o perdite di tempo perché dobbiamo essere produttivi, sempre sul pezzo, in modo da essere all’altezza delle nostre aspettative e di quelle degli altri. La verità però è che spesso abbiamo paura di fermarci perché sentiamo che tutto potrebbe caderci addosso. Non siamo più abituati ad incontrare noi stessi, a “perdere del tempo” con noi stessi.

Cosa significa “perdere tempo”?

La verità è che ogni luogo ed ogni istante, anche apparentemente insignificante, è estremamente prezioso. L’espressione “perdere tempo” viene usata comunemente con un’accezione negativa perché siamo in un’ottica di produttività e performance. Quante volte vorremmo rallentare e prenderci del tempo per noi ma ci sentiamo quasi in colpa perché sentiamo di non essere produttivi? Regalarci un tempo in cui non dobbiamo dimostrare nulla è un grande gesto d’amore nei nostri confronti. In questo senso perdere tempo è allo stesso tempo guadagnare tanto altro, sotto molti punti di vista.

Quando ci rendiamo conto di dover rallentare perché iniziamo a non stare bene, fisicamente, psicologicamente ed emotivamente, nella nostra mente compaiono mille motivazioni per cui non possiamo permetterci di farlo. “Non ho tempo”, “gli altri contano su di me”, “che impressione potrei dare?”, “cosa penseranno gli altri di me?”. Non essere impegnati in qualcosa che agli occhi altrui è di valore, come può essere un lavoro, il raggiungimento di particolari obiettivi, ci fa sentire in colpa e mancanti. Se però non siamo i primi a considerare di valore anche il cosiddetto “tempo perso”, troveremo sempre mille scuse per non incontrare noi stessi.

Perché leggere un libro, fare una passeggiata, guardare un film non deve essere considerato tempo produttivo? Dobbiamo essere noi per primi a restituire dignità anche a questo tempo perso e trovare il modo di coltivarlo pur nella frenesia della quotidianità.

Nel prossimo articolo approfondirò meglio come calare questa attitudine nella quotidianità anche attraverso l’utilizzo di particolari strategie.

“Ormai nessuno ha più tempo per nulla. Neppure di meravigliarsi, inorridirsi, commuoversi, innamorarsi, stare con se stessi. Le scuse per non fermarci a chiedere se questo correre ci rende felici sono migliaia, e se non ci sono, siamo bravissimi a inventarle.”

Tiziano Terzani

Se vuoi rimanere aggiornato seguimi sui miei social e se hai dubbi o domande non esitare a contattarmi ad uno dei miei recapiti.

☎️ tel. 3406438603 (anche whatsapp)

📧 e-mail: galtarossa.anna@gmail.com

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *